Art Directors’ Challenge! The Video Advertising Oscar

I mmaginatevi di dover assegnare ad una nuova e più creativa agenzia la vostra prossima campagna pubblicitaria riguardante la vostra azienda o un prodotto/servizio specifico. Cosa fareste? Probabilmente presentereste gli obiettivi che vorreste raggiungere tramite questo nuovo spot pubblicitario televisivo, alle agenzie candidate a ricevere l’incarico tutte riunite per l’occasione, in un primo breve sommario briefing di lancio del contest. Dopo questo primo step, i gruppi di lavoro di questo stimolante Team Building, aggregati in 3 -10 persone ciascuno, potranno mettersi al lavoro, assegnandosi dei ruoli, ragionando sul briefing e sulle istruzioni ricevute, creando dei bozzetti e consolidando delle idee destinate ad essere successivamente interpretate dagli stessi componenti del Team. Tutto questo con l’aiuto di esperti comunicatori e art director televisivi.

Ma si sa, i clienti cambiano o integrano spesso le loro idee. Ed ecco che a movimentare la sfida tra agenzie possono arrivare anche delle modifiche di progetto che impongono delle modifiche, un orientamento al cliente e in definitiva un ulteriore sforzo di creatività. Le idee più creative ed efficaci di ogni Team-Agenzia, una volta consolidate verranno riprese di fronte a una telecamera in un vero e proprio studio televisivo approntato per l’occasione nel luogo di svolgimento dell’attività, con tanto di trucco, cameraman e regista. In fase di montaggio potranno essere aggiunti loghi o spezzoni video (se disponibili in alta risoluzione), per rendere più realistica ed efficace la comunicazione.

… E’ stato davvero interessante entrare nel mondo della pubblicità in televisione potendo comprendere quali sono i meccanismi regolano questo tipo di comunicazione. In effetti la fase di brainstorming iniziale ci ha consentito di condividere e mettere in risalto alcune caratteristiche e modalità di presentazione dei nostri prodotti davvero efficaci. Ma la parte più divertente è stata senz’altro la parte di esecuzione finale dovendoci improvvisare in improbabili attrici! … Marina – Marionnaud

Tutti i componenti dei team devono essere attivi e partecipi nella progettazione e ripresa dei vari SPOT pubblicitari. Ogni team viene stimolato dai nostri esperti ad organizzarsi definendo i ruoli, strutturando le rispettive professionalità, ma soprattutto scandendo la tempistica per il raggiungimento dell’ obiettivo finale. Il lavoro in gruppo con l’ausilio di costumi e oggetti di scena, darà vita ad uno SPOT del tutto originale. Il risultato finale è un avvincente lavoro di gruppo, ad alto coinvolgimento professionale e artistico e di grande valore aziendale. Il risultato finale di ciascun Team verrà presentato in modo dinamico e coinvolgente in sede plenaria, venendo valutati dall’assemblea (formata dai partecipanti stessi) in base a dei criteri predefiniti, in modo da premiare il risultato migliore.
Per questo Team Building sono previste figure professionali come: una figura esperta di pubblicità, regista, cameraman, nonché attrezzature come: telecamere HD, luci, set di ripresa., ecc. L’attività offre il massimo della resa con telecamere professionali, ma può essere svolta anche con i video eseguiti con SmartPhone che abbiano determinate caratteristiche di risoluzione e produzione di formati facilmente editabili in fase di post produzione.

>> Conclusione dell’attività

La durata di questo team building è variabile a partire da almeno 3/4 ore. La fase di post produzione richiede infatti un parte “importante” nel computo totale del tempo necessario per ottenere buoni risultati. Tempo impiegabile con un debriefing svolto sempre da un esperto di pubblicità e/o da un consulente di sviluppo delle risorse umane per agganciare i contenuti metaforici del team building agli obiettivi aziendali del cliente. Spesso la proiezione e la premiazione degli SPOT avviene in una sessione plenaria finale anche durante un pranzo o una cena di lavoro.

>> Corporate TG: la variante per giovani cronisti!

Corporate TG è la versione di Art Directors’ Challenge che permette di esplorare in modo originale e coinvolgente il mondo della comunicazione orientata ad un preciso scopo formativo. Infatti la la variante di team building che rende la creatività un architrave su cui costruire, sviluppare e rafforzare il gruppo nelle sue dinamiche. Ogni team ha il compito di realizzare un telegiornale.
Le idee più creative ed efficaci, saranno rappresentate teatralmente di fronte a una telecamera per il successivo montaggio o presentate in modo dinamico e coinvolgente in sede plenaria. Tutte le esibizioni saranno valutate dall’assemblea (formata dai partecipanti stessi) in base a dei criteri predefiniti, in modo da premiare il lavoro migliore. Ad ogni gruppo verrà attribuito uno stile di giornalismo da seguire nella scrittura delle notizie e nell’interpretazione, ad esempio: TG Regionale, TG Scandalistico, TG satirico ecc. Gli argomenti da trattare possono essere personalizzati sul vissuto dell’azienda o lasciati alla libera creatività dei partecipanti. Inoltre, tutti saranno attivi e partecipi nella costruzione e ripresa dei vari servizi da trasmettere durante il TG. Ogni redazione dovrà organizzarsi definendo i ruoli, strutturando il lavoro, dandosi una tempistica per il raggiungimento dell’ obiettivo finale. Il lavoro in gruppo con l’ausilio di costumi e oggetti di scena, darà vita ad un TG del tutto originale. Il risultato finale è un avvincente lavoro di gruppo, ad alto coinvolgimento fisico e artistico, di grande spessore umano e relazionale.

In dettaglio

Componenti

Coesione & Cooperazione
40%
Fiducia & Motivazione
70%
Creatività & Problem Solving
90%
Comunicazione e Feedback
90%

Orientamento

70% Team Working - 30% Leadership
70%
80% Soft Experience - 20% Adrenalina
20%
30% Formazione - 70% Divertimento
30%
50% Risultato Corale - 50% Competizione
50%

Specifiche tecniche

Italiano e Inglese

Numero partecipanti min 20 / max 200 e oltre

Indoor e su richiesta Outdoor

Sono disponibili, parrucche ed abiti di scena

Post recenti
Mission to Mars il Team Building per riscreare sulla terra le condizioni estreme della prossima conquista dell'uomo.