Olympic Games – La tradizione di Giochi senza Frontiere

The Jeux sans Frontieres machine

Olympic Games – La tradizione di Giochi senza Frontiere

A lzi la mano chi non ha mai sognato almeno una volta di poter vivere da protagonista le sfide più emozionanti, i giochi più divertenti, le passioni e lo spirito di squadra che solo questa fortunata serie di giochi ha saputo infondere!

Chi non ricorda con piacere le serate passate a tifare per la squadra del cuore?
Oggi è arrivato il momento di risvegliare quelle emozioni rispolverando la voglia di mettersi in gioco e dare il massimo per poter raggiungere un obiettivo comune …

… E’ stato bello ed emozionante rivivere da dentro le modalità di sfida dei Giochi senza Frontiere! La ricerca di un obiettivo comune e la capacità di orientamento al problem solving credo siano le due qualità principali di questo Team Building   … Nadia – SAFM

In questo Team Building outdoor vengono proposti giochi basati sul problem solving, durante i quali i partecipanti si trovano ad affrontare diverse situazioni all’insegna del divertimento e coinvolgimento.

In queste mini olimpiadi aziendali i vari team si sfidano in una serie di gare, pensate per aiutare i partecipanti a migliorare capacità relazionali e organizzative, incrementando la motivazione e la forza del gruppo, per mirare ad obiettivi sempre più ambiziosi e impegnativi.

Svolgimento

Ecco alcuni esempi di prove che vi proponiamo:

  • Spider Web: Si tratta di far oltrepassare a ciascun componente della squadra una fitta tela di corde denominata “spider web“.
  • Human Telegram: Comporre una parola e/o breve frase nel più breve tempo possibile con lettere giganti.
  • Acid River: Tutti partecipanti della squadra devono attraversare il “fiume acido” e per farlo hanno a disposizione solo alcune mattonelle.
  • Key Punch: I partecipanti dovranno schiacciare, uno alla volta, le mattonelle numerate in ordine crescente. Il team non lo saprà, ma mancheranno dei numeri.
  • Bridge: Recuperare, con l’aiuto di alcuni strumenti forniti, una pallina appoggiata su una tazza, piazzata al centro di un cerchio.
  • Stream: Portare il maggior numero di palline da ping pong da una parte all’altra del percorso, con l’ausilio di alcune canaline.

L’idea è quella di incentivare, la fusione delle diverse potenzialità individuali, al fine di compattare il gruppo, favorendo il percepirsi come un’unica identità.

Risultati attesi: interdipendenza, coinvolgimento, conoscenza più approfondita fra le persone, fiducia, collaborazione, comunicazione, “visione allargata”, creatività, supporto reciproco motivazione.

 

In dettaglio

Componenti

Coesione & Cooperazione
80%
Fiducia & Motivazione
100%
Creatività & Problem Solving
80%
Comunicazione e Feedback
60%

Orientamento

60% Team Working - 40% Leadership
60%
80% Adrenalina - 20% Soft Experience
80%
60% Divertimento - 40% Formazione
60%
80% Competizione - 20% Risultato Corale
80%

Specifiche tecniche

Italiano e Inglese

Numero partecipanti min 20 / max 300 e oltre

Outdoor

Spazi verdi idonei per accogliere le squadre

Post suggeriti